Festival del cinema rurale – VII edizione
16 – 17 – 18 settembre 2016
Ameno, Omegna, Miasino

Ideato e promosso da Asilo Bianco, curato da Paola Fornara e Davide Vanotti, il festival racconta attraverso pellicole provenienti da tutto il mondo le tante facce del mondo rurale contemporaneo: una competizione in un paesino dei Balcani sulle uova più dure da rompere, i migranti in Italia, storie di vita Masai in Trentino, i venditori di gelati nella Turchia rurale e dimenticata, un film senza dialoghi sui versi animali, riprodotti dagli uomini per cercare un nuovo modo di comunicare, i campi minati in Africa bonificati per poter essere coltivati…sono solo alcuni degli spunti che si potranno scoprire a Corto e Fieno.Il programma 2016 punta a dare maggiore spazio alla selezione dei cortometraggi, non solo con il concorso Frutteto, ormai consolidato negli anni e sempre più internazionale, ma anche con una selezione per i più piccoli, Germogli, e una sperimentazione notturna, Il corvo nell’orto, con una mezz’ora di corti horror rurali.
CortoefienoQuasi completamente dimenticato dalla programmazione in sala, il formato corto continua a essere fondamentale per il cinema contemporaneo, fucina di idee e di sperimentazione, luogo a tempi ridotti dove ci vogliono talento e immediatezza.
Oltre a Frutteto (cortometraggi), viene riproposta come da struttura del festival la sezione Mietitura (medio e lungometraggi), più una sezione Sempreverde dedicata ai classici del cinema rurale. Per quest’ultima, quest’anno il critico Bruno Fornara presenterà due curiosi e rurali lavori del regista Werner Herzog, How Much Wood Would a Woodchuck Chuck e La Soufrière.
A fine festival, la giuria di Corto e Fieno premia i primi classificati di ogni sezione in concorso con uno speciale ruralès. Consegna il Rastrello d’oro per Frutteto, il Forcone d’oro per Mietitura e il Premio Speciale della Giuria dedicato a Maria Adriana Prolo, nata a Romagnano Sesia e fondatrice del Museo Nazionale del Cinema di Torino. Il pubblico del Festival consegna la Vanga d’oro, mentre i più piccoli assegnano lo Zappino d’oro per Germogli.
I luoghi del Festival
Museo Tornielli – Piazza Marconi 1, Ameno
Cinema Sociale – Via Carducci 2, Omegna
Villa Nigra – Piazza Beltrami 5, Miasino
Ristorante Antico Agnello, Villa Nigra – Via Solaroli 5, Miasino
Orari
Venerdì ore 21 apertura del festival
Sabato dalle ore 15 alle ore 21 proiezioni
Domenica dalle ore 11 alle ore 17.30 proiezioni e premiazione finale
Biglietti
Tutte le proiezioni di Corto e Fieno sono a ingresso libero
I film in lingua originale sono sottotitolati in italiano
Info
www.cortoefieno.it
www.asilobianco.it

Sull'Autore

I commenti sono chiusi.