VETTE D’ARTIFICIO 2017
piromusica tra le cime
28 luglio – 14 agosto 2017
Mottarone, Macugnaga, San Domenico, Santa Maria Maggiore

Torna anche nell’estate 2017 l’unica rassegna piromusicale in alta quota mai proposta in Italia: un evento volto a valorizzare le località dell’alto Piemonte che hanno aderito anche quest’anno e inserite nel più ricco cartellone del Festival di fuochi d’artificio coordinato dal Distretto Turistico dei Laghi.
Tre conferme, con Mottarone, Macugnaga e San Domenico, e una novità, Santa Maria Maggiore in Valle Vigezzo (ospiterà lo spettacolo finale del 14 agosto). Quattro tappe che diventeranno palcoscenici naturali di spettacoli piromusicali poco impattanti e attenti all’ambiente, grazie all’esperienza di GFG Pyro, azienda organizzatrice della rassegna.
Un’iniziativa speciale è dedicata ai fotoamatori, che fin dalla prima edizione hanno seguito la rassegna e inondato i social ufficiali di Vette d’artificio con immagini spettacolari. Anche per valorizzare un patrimonio di immagini davvero di qualità, dunque, l’organizzazione, in collaborazione con i comitati promotori delle singole tappe, ha pensato di coinvolgere tutti coloro che seguono le serate armati di fotocamera.
Basterà pubblicare sulla pagina Facebook ufficiale del festival (vettedartificio) – entro il giorno successivo allo spettacolo – una foto scattata durante lo show.

Macugnaga 2016. Foto di Giancarlo Parazzoli

Le votazioni saranno il frutto di un mix tra i “mi piace” espressi dai fan della pagina e i giudizi espressi da una giuria di qualità composta dal fotografo ufficiale di Vette d’artificio, Giancarlo Parazzoli, da un rappresentante del comitato organizzatore e dallo staff di GFG Pyro. Per chi si aggiudicherà il punteggio più alto in regalo una vacanza presso la località sede di spettacolo. E tra i quattro vincitori verrà scelta dalla giuria la migliore fotografia di tutta la rassegna, il cui autore verrà premiato con un’attrezzatura fotografica professionale.
La prima tappa sarà alla “montagna dei sette laghi”, così denominata per la spettacolare e impareggiabile vista che il Mottarone offre dalla sua vetta di 1491 metri che abbraccia, appunto, sette laghi tra cui Maggiore, d’Orta e di Mergozzo, e offre una vista a 360° dalle Alpi Marittime al Monte Rosa. Lo show coinciderà con l’inaugurazione dell’edizione 2017 di Vette d’artificio, venerdì 28 luglio.
Il secondo appuntamento si terrà invece sabato 5 agosto a Macugnaga (Valle Anzasca): dal centro dell’antico borgo walser a quota 1.327 metri, il pubblico potrà assistere ad un emozionante show di fuochi, luci e musica letteralmente ai piedi dell’imponente parete est del Monte Rosa.
La terza serata, sabato 12 agosto, è programmata anche quest’anno a San Domenico di Varzo (Valle Divedro), ormai tra le più blasonate destinazioni dell’arco alpino per gli sport invernali, e apprezzata meta estiva per la miriade di percorsi escursionistici disponibili. Questo sarà lo spettacolo più alto della rassegna: verrà infatti ospitato nella spettacolare conca dell’Alpe Ciamporino, a circa 2.000 metri di altitudine.
Lunedì 14 agosto il finale a Santa Maria Maggiore (Valle Vigezzo). Una località tutta da scoprire, grazie ai suoi musei unici, con le indimenticabili storie dei pittori e degli spazzacamini, e grazie alla bellezza delle sue architetture di montagna. Lo spettacolo di Vette sarà legato alla secolare festa patronale dell’Assunta e sarà preceduto dal tradizionale falò nei pianori del Centro del Fondo, in ingresso al paese. Per raggiungere la località saranno attive le corse speciali della Ferrovia Vigezzina-Centovalli.
Tutti gli spettacoli piromusicali realizzati dalla GFG Pyro saranno accompagnati da un ricco programma di eventi collaterali (in costante aggiornamento sul sito www.vettedartificio.it) a cura dei comitati promotori, per vivere in quota un’intera giornata o un fine settimana alla scoperta delle mille sfaccettature di queste località di montagna.
Info: www.vettedartificio.it o www.facebook.com/vettedartificio

Sull'Autore

I commenti sono chiusi.