IMMAGINI DELL’INTERNO 2019
XXV Festival Internazionale del Teatro di Figura Contemporaneo
2122 giugno, 3-7 settembre, domeniche di ottobre e novembre 2019
Pinerolo

Il progetto Festival Immagini dell’Interno 2019 prevede la divisione della programmazione in tre sezioni. I motivi della decisione di scorporare le tre anime del Festival Immagini dell’Interno sussistono nel rendere chiare le differenze di fruizione, sapendo che le cornici e i contesti possono agire anche sulle linee artistiche della programmazione. Si sono quindi individuate le parti Out, Inside e Famiglie dell’offerta performativa.
Out inteso come “spettacoli di teatro di strada”, proposte in cui l’aspetto dell’intrattenimento, sebbene di qualità, ha la sua preminenza, rivolto ad un pubblico che ha voglia di far parte di un evento socializzante che inglobi in se anche la cornice e il contesto in cui viene offerto (vedi la storica via Principi d’Acaja e la parte di accoglienza offerta dalla cittadina – bar – ristoranti).
Inside riguarda quella parte in cui gli spettacoli sono ospiti di strutture al coperto e attrezzate, dove si possono proporre proposte artistiche di diversa complessità tecnica, sedi in cui l’aspetto contemporaneo e multidisciplinare del teatro di figura può esprimersi al meglio.
La sezione Famiglie è la programmazione che comprende alcune domeniche di ottobre e di novembre in cui il teatro per famiglie è protagonista, un aspetto di intervento sul territorio che opera nella pedagogia della buona fruizione culturale, una attitudine che cerca di dare uno sbocco alla necessità di alternative culturali.
La riflessione sulla cittadina e il suo inserimento in un contesto internazionale rientra nel campo vasto dell’intervento culturale nel territorio attraverso questo progetto Teatro di Figura Immagini dell’Interno. Giunto alla sua venticinquesima edizione, si fa carico ancora una volta di essere una delle finestre artistiche rivolte all’Europa, proponendo una sua linea artistica improntata alla contemporaneità.
Gli abitanti di questo territorio di provincia, pericolosamente soggetto alle fughe delle sue risorse umane più attive, cercano e risentono delle “atmosfere” ambientali a livello simbolico e motivazionale ed hanno bisogno, più che in qualsiasi altro luogo “centralizzato” di ambienti ricchi di stimoli e proiettati verso orizzonti aperti.
La misura della cittadina resta luogo ideale per costruire un festival con intenti di irradiamento nel suo intorno, che produca di riflesso un’immagine forte permeante possa assumere l’ambizione, in quel periodo nella memoria in qualità di città ospite, di spazio totalizzante del teatro di figura.
C’è quindi spazio per gli artisti di esprimere in pieno le loro potenzialità e il territorio coinvolto, nella sua parte architettonica, restituisce una attraente e molto interessante cornice storica (la parte OUT del festival si svolgerà in quella sede). Anche la parte geografica d’appartenenza ha delle opportunità di forte interesse, proponendo al pubblico partecipante un territorio di gran valore paesaggistico e storico.
Info e programma dettagliatoTel. 0121 794573, 330 425716, www.immaginidellinterno.it

Sull'Autore

I commenti sono chiusi.