UNA Festival
il respiro dei parchi d’Italia
dal 27 agosto
Parco Nazionale della Val Grande, Parco del Monviso e Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi

Uomo, Natura e Arte: è da questo acronimo che nasce UNA Festival, ideato da un artista, un comunicatore e una biologa proprio nel difficilissimo periodo del lockdown legato alla pandemia da Covid-19. Un progetto ambizioso che prenderà il via il prossimo 27 agosto alle 12,30 (in caso di maltempo rinviato al giorno successivo) da Ostana, nel cuore del Parco del Monviso, la più giovane delle tre aree protette protagoniste di questo nuovo festival.
A salire sul palco naturale del Cuneese saranno il cantautore Brunori Sas, il poeta “paesologo” Franco Arminio e la ricercatrice del CNR Elisa Palazzi. Musica d’autore, poesia, paesi e ambiente – tre tasselli fondamentali di UNA Festival – si uniscono per questo primo appuntamento da non perdere.
Dopo mesi di difficoltà ed emergenze sanitarie e sociali, quest’ultime ancora oggi difficili da superare, l’Italia intera ha un forte bisogno di rigenerarsi, di identificarsi in valori da riscoprire, valori comuni da condividere. UNA Festival vuole interpretare questi bisogni, partendo proprio dalle aree protette, in quanto luoghi privilegiati dove perseguire il benessere e ritrovare un equilibrio nel rapporto tra uomo e natura.
UNA Festival è un’iniziativa simbolica di carattere artistico, che vuole lanciare un messaggio comune: valorizzare una rinascita consapevole e trasmettere una grande opportunità per il futuro, tornando a celebrare vita umana e ambiente quali parti di un processo unico e armonioso. E partire dai parchi, dalle aree naturali protette da quello stesso uomo complice anche di distruzioni e irrimediabili danni ambientali, rappresenta una scelta simbolica di grande valore.
L’appuntamento ospitato nel Parco del Monviso potrà contare anche su una diffusione online e per l’edizione zero di UNA Festivalsarà realizzato un docufilm che ne racconterà highlights, dietro le quinte e interviste ai protagonisti e agli ideatori. A seguire i tre Parchi Nazionali, due in Piemonte e uno in Veneto, ospiteranno una serie di eventi outdoor a basso impatto ambientale in luoghi simbolici, particolarmente suggestivi e rappresentativi di ogni realtà territoriale. Saranno eventi necessariamente esclusivi (a causa delle restrizioni e delle disposizioni sanitarie), esperienze emozionali che parleranno al cuore di tutti, per ritrovare un nuovo equilibrio tra uomo e natura attraverso le vie dell’arte.
Musica, narrazione, poesia, informazione ambientale, attività multisensoriali legate al benessere e all’alimentazione corretta, saranno questi i temi toccati dal calendario di UNA Festival.
Info e programma: www.unafestival.it
Canali social: FB unafestivalitalia, IG unafestivalitalia
Biglietti disponibili sul circuito TicketOne

Sull'Autore

I commenti sono chiusi.