CROWDFUNDING PER IL CONCERTINO DAL BALCONCINO

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

Vi preghiamo, per quanto possibile, di trasmettere il nostro appello ai cittadini. Che prima che un appello, è un grido d’aiuto.
C’è sempre un momento, in ogni progetto duraturo, quando senza il sostegno degli altri non puoi superare l’ostacolo. E’ arrivato ora anche per noi. Vittime di una provante, quanto italica, vicenda riguardante la ristrutturazione del monolocale di 24 mq, backstage del Balconcino, abbiamo deciso per la prima volta in dieci anni di far ricorso a un crowdfunding sulla piattaforma Produzioni dal Basso, sperando che quanto di buono seminato ci possa tornare in soccorso in questo momento difficile.
“L’isola che non c’è, c’è. Si chiama Concertino dal Balconcino, si trova a Torino e Tu, a prescindere dove abiti, con una modesta donazione, puoi farne parte. In dieci anni di attività ne abbiamo passate tante, senza mai ricevere nessun finanziamento, né pubblico né privato, risolvendo ogni difficoltà da soli. Questa volta, però, da soli non ce la possiamo fare. Per questo siamo qui, per chiedere a voi, quella piccola minoranza di persone che ancora credono nella cultura come la più grande conquista dell’umanità, un sostegno economico.”
LINK: https://www.produzionidalbasso.com/project/salviamo-il-concertino-dal-balconcino/?fbclid=IwAR2uBiBy43y2b14R9ufTWiEhGIjV8BvJ_h1yH3XgMfXLYY0938F52YccXa8

Il Concertino dal Balconcino, da dieci anni realtà culturale riconosciuta e consolidata, presente nelle più importanti guide turistiche, vincitrice di numerosi premi e con all’attivo collaborazioni con le istituzioni culturali più importanti del territorio, che lo scorso aprile, dopo 3 anni di durissimo processo penale per procedura d’ufficio presso il Tribunale di Torino, ha incassato l’assoluzione con formula piena dei due ideatori, e che solo pochi mesi fa ha ottenuto il primo riconoscimento ufficiale da parte del Comune di Torino, oggi è a rischio chiusura. Poiché dove non ci è riuscito un amministratore condominiale disonesto che, come espressamente detto nelle motivazioni della sentenza, agiva mosso da animosità personale, dove non ci è riuscita la Municipale con ben 12.000 euro tra multe, provvedimenti e sanzioni, dove non ci è riuscita la Procura in 3 anni di processo penale, ebbene ci è riuscita una cooperativa sociale del settore edile, Orsa Servizi. A rappresentarci, con il solo patrocinio dello Stato, il prestigioso studio legale torinese Grande Stevens, che anche in questa occasione ringraziamo.

Grazie di cuore,
Daria Spada e Maksim Cristan

 

Sull'Autore

I commenti sono chiusi.