COME VIVO ACCIAIO
di e con Andrea Bosca ed Elisa Galvagno
Sabato 25 marzo 2017
Torino, Teatro bellARTE

Tratto dal romanzo Una questione privata di Beppe Fenoglio, in scena un giovane uomo sul punto di vedere frantumarsi ogni sua certezza. Un amore ferito, testardo, ostinato a sopravvivere anche nell’assurdo della guerriglia, ancora vivo quando tutto intorno si fa nebbia, fango, abbandono, disperazione. Un partigiano, Milton. Un ragazzo che non può più vivere dubitando della verità e della realtà del proprio amore. È la storia di chi sente sgretolarsi tutto ciò in cui ha creduto fino ad allora. La vicenda di Milton parla di tutti noi, delle nostre vite, dei nostri desideri.
Nelle Langhe, durante la guerra partigiana, Milton è uno studente universitario, ex ufficiale, che milita nelle formazioni autonome. Eroe solitario, durante un’azione militare rivede la villa dove aveva abitato Fulvia, una ragazza che aveva amato e ancora ama. Mentre visita i luoghi dei loro incontri rievocandone le vicende, Milton viene a conoscenza di una relazione tra Fulvia e Giorgio, il proprio amico di sempre, ora compagno di guerriglia. Che l’amore della ragazza per Milton – la segreta ragione della sua sopravvivenza – fosse solo un’illusione? Il pensiero gli risulta inaccettabile, lo coglie impreparato, lo ossessiona. Forse Milton non ha potuto, forse non ha voluto vedere. Tormentato dalla gelosia, Milton tenta di rintracciare Giorgio, scoprendo che è stato catturato dai fascisti.
Giunti a un passo dal crollo di ogni certezza, anche noi dobbiamo partire con Milton in una ricerca privata, diventare assassini della strada marciando nel fango delle colline violentate dalla pioggia, verso qualcosa che ancora ricomponga il senso del nostro amore, nella partita che in silenzio solitario ognuno gioca con la propria autenticità.
Consulenza scenografie Franco Galvagno
realizzazione scenografie Ditta re Gianfranco, costumi Catherine Chanoux, disegno luci Sebastiano Peyronel, Dardo Gabriel Fernandez Franco, progetto suono Luca Mangani, musiche originali Cristiano Tibaldi
Un progetto prodotto grazie a Provincia di Asti, Assessorato Unesco e Turismo, Cassa di Risparmio di Asti, compagnia teatrale Dramelot
Teatro bellARTEVia Bellardi 116, Torino
Biglietti: intero 10 euro, ridotto (abbonamenti) 8 euro
Info e prenotazioni: tel. 011 7727867, 320.6990599, info@tedaca.it

Sull'Autore

I commenti sono chiusi.